La lunga maratona con cui si assegnavano i titoli di campioni regionali di categoria, giovanili e veterani, si è svolta dal 30 ottobre all’1 novembre, presso lo splendido Pala Livatino di Gela. L’organizzazione è stata curata dal Comitato Regionale della FITET in collaborazione con l’ASDTT Gela dell’attivissimo Presidente Santino Marù, ben supportato da Salvatore Domicoli e dagli altri atleti della società ed è stata impeccabile sotto ogni punto di vista.

Lo staff arbitrale, dimostratosi assai efficiente, nelle prime due giornate di gara, è stato formato dal Giudice Arbitro effettivo Raffaele D’Ambrogio, dal Giudice Arbitro supplente, Salvatore Palermo e dai Coordinatori Alessandro Manicotto, Gabriella Baldi e Carolina Carrolo.

Presente alla manifestazione, fra l’altro, il Vice Presidente Nazionale della FITET Paolo Puglisi, che ha presenziato a diverse premiazioni, unitamente al Responsabile dell’area agonistica regionale della FITET Gianrosario Valenti. Non ha mancato di offrire il proprio contributo anche il Presidente Regionale del CIP, Salvatore Mussoni.

Da segnalare che il Comitato Regionale della FITET ha premiato con una targa per la disponibilità dimostrata Maurizio Melfa, Presidente della Melfa’s, la società che gestisce il Palazzetto Pala Livatino.

La gara più importante è stata quella riservata alla III categoria. Il diciottenne Simone Sofia (Mazzola), testa di serie numero uno, sin dall’inizio dimostra la sua evidente superiorità; nel girone supera per 3-0 (11-6/11-7/11-8) Pasquale Titone (Germaine Lecocq) ed Edoardo Filippo Curcio (Il Circolo Etneo), bravo a strappargli un set perdendo per 15-13/13-15/0-11/4-11. In semifinale Benedetto Moltisanti (Modica), sempre elegante nei suoi colpi, ha la peggio contro lo scatenato atleta del Mazzola, che vince per 11-6/11-5/11-2. Sofia si fregia del titolo di campione regionale piegando, nell’ultimo atto, Francesco Paolo Alongi (Eos Enna) per 11-7/11-7/11-5. Sale sul gradino del podio il diciannovenne Curcio sconfitto, nel penultimo turno, da Alongi per 11-1/11-0/11-8.

E’ Davide Sironi (Vittoria), accreditato con la testa di serie numero otto, a mettere tutti in fila nel torneo di IV categoria. Nel raggruppamento iniziale supera il turno da secondo, in virtù dei successi per 3-2 (8-11/11-5/11-8/8-11/11-9) su Salvatore Guttuso (Germaine Lecocq) e per 3-0 (11-2/11-2/11-2) su Vincenzo Benintende (Fides Acireale); primo del girone risulta Fabrizio Salerno (Sportenjoy) che sconfigge Sironi per 3-1 (9-11/11-7/11-5/11-8). Nel tabellone comincia l’escalation vincente di Sironi: nei sedicesimi, il bravo atleta della squadra del presidente Giancarlo D’Izzia, elimina l’esperto Andrea Vigiano (Ausonia Enna) per 12-10/11-7/11-7; poi, negli ottavi è la testa di serie numero due, Steven Barberi (VI.GA.RO. Siracusa) ad essere battuto, dopo cinque avvincenti set, per 11-6/11-4/8-11/4-11/7-11. Pietro Violante (Himera G. Randazzo), nei quarti di finale, viene superato da Sironi per 11-5/11-7/11-6; in semifinale ancora un atleta dell’Himera G. Randazzo, Claudio Casà tenta di fermare il portacolori del Vittoria: ma, alla fine, in cinque set, è Sironi a raggiungere l’ultimo atto con il seguente score:11-6/11-5/6-11/8-11/11-4. In finale, solo nei primi due set, Francesco Gentile (Il Circolo Etneo) rende la vita difficile a Sironi: l’atleta della squadra di Pierpaolo Liberto conquista il primo set per 17-15 e perde il secondo per 8-11. Ma, nei successivi due parziali, non c’è storia e Sironi per 11-0/11-4 ottiene il titolo. Podio per Alessandro Guttuso (Sportenjoy) fermato da Gentile in cinque set per 11-8/8-11/11-8/5-11/7-11.

Nei primi otto si sono qualificati Giovanni Guardiano (Ausonia Enna), Andrea Giudice e Gianrosario Valenti (Il Circolo Etneo); Una nota positiva in questa categoria è rappresentata dal podio che è conquistato da quattro giovani atleti.

Nel IV categoria femminile un’atleta del Mazzola alla ribalta: è Maria Luisa Quattrocchi, la più esperta del lotto, a tagliare il traguardo per prima ed a bissare il successo ottenuto al torneo di Siracusa. Nel girone unico ottiene, sempre per 3-1, le vittorie nei confronti di Gessica Spampinato (Albatros-CT) per 11-5/5-11/12-10/12-10, di Federica Domicoli (Gela) per 11-9/11-5/9-11/11-9 e Sabrina Montalto (Radiosa) per 11-9/11-8/9-11/11-7. Dopo la Quattrocchi, la classifica vede al secondo posto la Domicoli, seguita a ruota da Montalto e Spampinato.

Michele Tuttolomondo (Mazzola), dopo essersi aggiudicato l’Over 2500 di Belpasso e l’Over 2000 di Buseto Palizzolo, cala il tris nel V Categoria. Nel girone, rifila un secco 3-0 a Santo Scavuzzo (Calascibetta) e un doppio 3-2 a Pietro Pizzo (Buseto-TP) e a Pierpaolo Liberto (Il Circolo Etneo). Nel tabellone, dopo il bye iniziale, l’atleta del T.T. Mazzola, negli ottavi affronta Walter Paglia (Calascibetta): lo supera facilmente per 11-2/11-3/11-3. Nei primi otto, Tuttolomondo ricorre a quattro set (11-7/11-3/8-11/12-10) per avere ragione del quindicenne Valerio Chisari (Il Circolo Etneo). Nel penultimo turno anche la testa di serie numero uno, il valido Agostino Castiglione (Buseto-TP), si arrende per 11-5/9-11/7-11/10-12 all’atleta del Mazzola. In finale, l’ultimo ostacolo è rappresentato da Giovanni Giordano (Virtus Enna):

ancora in quattro set per 11-8/11-6/3-11/11-7, Tuttolomondo riesce a prevalere e ad aggiudicarsi meritatamente il titolo.

Il podio è completato da Daniele D’Amico (Albatros-CT), stoppato da Giordano che lo supera per 11-5/13-11/12-10. Buone le prove di Carmelo Savoca (Calascibetta), Pietro Pizzo (Buseto-TP) e Giuseppe Piccione (Vittoria), che si piazzano nei primi otto.

Nel V Categoria femminile è Vita Barone (Buseto-TP) a conquistare il titolo. Nel girone, con un triplice 3-0, vince su Francesca Failla (Il Circolo Etneo) per 11-6/11-8/11-2, e su due atlete entrambe tesserate con la Mediterraneo Buseto-TP:  Sandra Montanti per 11-7/11-7/11-5 e Giuseppa Di Grazia per 11-3/11-8/11-6. Nelle prime otto, Barone si sbarazza di Vincenza Di Girolamo (Germaine Lecocq) con un secco 11-2/11-3/11-3; il penultimo ostacolo è costituito dalla tenace Maria Stella Agosta (Mediterraneo Buseto-TP), che capitola in tre parziali per 5-11/8-11/3-11. Abbastanza combattuta è la finale: si trovano di fronte Barone e Sandra Montanti (Mediterraneo Buseto-TP): in quattro set, di buon livello, è la brava atleta del Buseto-TP a sconfiggere una combattiva Montanti per 11-8/9-11/11-8/11-9. Anche Martina Johara Randone (Mediterraneo Buseto-TP) sale sul gradino del podio: a sbarrarle la strada della finale è la Montanti che vince per 11-4/11-7/11-7.

Antonina Scalabrino (Buseto-TP) si piazza fra le prime otto.

L’undicenne Riccardo Dipietro (Eos Enna), reduce dalla brillante prestazione ottenuta nel torneo internazionale di Lignano Sabbiadoro, è il campione regionale nel VI categoria. Dipietro lascia ben poco spazio agli avversari del girone: Andrea Simonte (Mediterraneo Buseto-TP), Santo Paladino (Il Circolo Etneo) e Dario Vitale (Gela), che perdono tutti in tre set. Nel tabellone, dopo il passaggio del turno di diritto, essendo testa di serie numero due, l’atleta dell’Eos Enna negli ottavi elimina Salvatore Gagliano (Gela) per 11-8/12-10/11-9. Marco Cacioli (Radiosa) cerca di fermare la corsa di Dipietro, nei quarti di finale; ma c’è ben poco da fare: l’atleta della Radiosa viene eliminato in quattro parziali per 11-4/11-4/7-11/11-2. Le semifinali vengono rispettate in pieno dalle prime quattro teste di serie, nell’ordine: Altesi Giovanni (Mediterraneo Buseto-TP), Dipietro, Carlo Manzo (Barcellona P.G.) e Armando Stillone (Olimpicus). Nella parte alta del tabellone si affrontano Altesi e Stillone: vince abbastanza agevolmente il primo per 11-5/11-8/11-3. Nella parte bassa del tabellone Dipietro, in quattro set, si sbarazza dell’esperto Manzo per 11-4/11-8/12-14/11-5. In finale sono di fronte le prime due teste di serie: Altesi e Dipietro. Dopo essere partito in svantaggio perdendo i primi due set per 11-5/11-4, il

giovanissimo Dipietro riesce a risalire la china e, mostrando una notevole concentrazione, rimonta il suo avversario chiudendo in proprio favore l’avvincente incontro per 11-7/13-11/12-10.

I quarti di finale sono stati conquistati da Alessandro Michele Pinelli (Caltanissetta), Luca Condorelli (Gela) e Matteo Figura (VI.GA.RO. Siracusa).

 

(Mario Lo Presti)